EDUCATION, RESIDENTAL, URBAN PLANNING

Concorso Pirelli Net Zero Energy Building

Il progetto è riferito ad un concorso ad inviti indetto nel 2016 da Pirelli SpA e relativo alla risistemazione del vecchio ingresso all’area da viale Sarca ed il conseguente completamento degli interventi sul lotto su cui insistono la vecchia Palazzina degli Arcinboldi, la Fondazione Pirelli e lo Headquarters della Società Pirelli.
Client
PIRELLI & C Spa v.le Piero e Alberto Pirelli, 25 20126 Milano
Projects Manager
arch. M. Lanata
http://www.varrattaarchitect.com/wp-content/uploads/2018/05/41.jpg
http://www.varrattaarchitect.com/wp-content/uploads/2018/05/13.jpg
http://www.varrattaarchitect.com/wp-content/uploads/2018/05/33.jpg
http://www.varrattaarchitect.com/wp-content/uploads/2018/05/14.jpg
http://www.varrattaarchitect.com/wp-content/uploads/2018/05/15.jpg

Concorso Pirelli Net Zero Energy Building

Title:

Description:

EDUCATION, RESIDENTAL, URBAN PLANNING

Concorso Pirelli Net Zero Energy Building

Il progetto è riferito ad un concorso ad inviti indetto nel 2016 da Pirelli SpA e relativo alla risistemazione del vecchio ingresso all’area da viale Sarca ed il conseguente completamento degli interventi sul lotto su cui insistono la vecchia Palazzina degli Arcinboldi, la Fondazione Pirelli e lo Headquarters della Società Pirelli.
Client
PIRELLI & C Spa v.le Piero e Alberto Pirelli, 25 20126 Milano
Projects Manager
arch. M. Lanata
41
13
33
14
15

L’intervento progettuale ricompone e completa il lotto su cui insiste ed in particolare conferisce unitarietà all’insieme di edifici che ne costituisco-no l’angolo nord attraverso la realizzazione di una copertura unitaria che protegge la piazza pubblica sottostante.

Inoltre il nuovo complesso unitario che si viene a creare si contrappone e va idealmente a bilanciare la parte costruita sull’angolo diametralmente opposto caratterizzata dall’importante volume rappresentato dall’edificio denominato HQ1.

La proposta progettuale per il Nuovo Edificio Pirelli ambisce a rappresentare un punto di riferimento nel panorama edilizio europeo, prefig-gendosi di costruire il primo edificio non residenziale a poter conseguire la certificazione “Net Zero Energy Building”, un edificio che a livello an-nuale avrà un consumo netto di energia pari a zero e che nel contempo esprimerà il massimo livello di sostenibilità edilizia, certificazione LEED, puntando al livello Platinum, e alla certificazione WELL, complementare a quella LEED, che evidenzia le linee guida più innovative per garantire la salubrità ed il benessere dei suoi occupanti.

L’ottenimento di tali certificazioni, concentrate in un solo edificio, andreb-bero a rappresentare un primo caso a livello internazionale e consentirebbero a Pirelli di poter comunicare i propri valori di innovazione e rispetto per l’ambiente contenuti nella concretezza di un proprio immobile, che coglie e supera le migliori best-practice internazionali del costruire.



Oltre ad assolvere alla funzione di accogliere giornalmente i dipendenti Pirelli nella sala ristorazione e nelle funzioni annesse, proporre le sue sale formazione-congressuali anche a fruitori esterni, si pone come un edi cio così innovativo da trasformarsi anche in uno strumento di comunicazione dei propri valori alla città e soprattutto nei confronti degli stessi dipendenti Pirelli, accogliendoli in un ambiente altamente confortevole, che promuove il benessere delle persone avendo nel contempo un impatto rigenerativo, positivo, sull’ambiente.

L’edificio nel suo insieme è composto da:
• piano interrato destinato ai magazzini, agli spazi destinati alle scorte alimentari della mensa, agli impianti ed ad un’area parcheggio raggiungibile da una rampa di accesso posta in fregio al lato nord in grado di accogliere 20 autovetture anche elettriche, 30 Motociclette in spazi dedicati separati e 50 biciclette con un sistema di parcheggio automatizzato.
Sono inoltre previsti spazi addizionali destinati ai servizi igienici, agli spogliatoi per i ciclisti, alla ricarica delle batterie, ai lockers per i motociclisti ed in ne i sistemi di collegamento verticale con i piani superiori

• piano terra che accoglie il locale destinato ad un presidio di controllo e guardiania, la reception e gli spazi annessi, la caffetteria, i servizi igienici, l’ufficio postale aziendale, gli spazi “people care” e “fas”,l’area ristorazione e le annesse aree preparazione e distribuzione dei pasti, è in diretta comunicazione con la piazza coperta che permette ad alcuni spazi pubblici, contenuti nell’edi cio di fare sinergia con l’adiacente Fondazione Pirelli.

• piano mezzanino occupato dagli spazi funzionali alla sala mensa del piano terra, dagli impianti ed da un ulteriore spazio destinato ad una ristorazione complementare ed alternativa e dall’area wellness.

• piano primo caratterizzato da spazi organizzati per la formazione o per una vocazione congressuale in grado, anche grazie all’impianto distributivo ed al sistema di climatizzazione, di essere facilmente riconvertiti in aree ufficio.

• piano copertura completamente fruibile caratterizzato da un giardino pensile attrezzato con aree sosta, lettura, relax e da un percorso anulare per passeggiare o fare joggin.
Il nuovo fabbricato sarà caratterizzato da una struttura fuori terra caratterizzata da pilastri e travi principali realizzate in carpenteria metallica verniciata, travi secondarie in legno lamellare e solai costituiti da pannelli in legno multistrato, tipo XLAM.

I fronti saranno caratterizzati da serramenti modulari vetrati schermati con elementi frangisole fissi, mentre le parti terminali di controventamento saranno realizzati con un sistema di setti strutturali rivestiti con pannelli modulari in Zinco Titanio o gres.

I locali impianti saranno collocati ai piani avranno sistemi di ventilazione e prese d’aria direttamente in facciata e permetteranno di lasciare completamente sgombero il piano copertura utilizzabile per fini più nobili tenuto anche conto che risulterà particolarmente visibile dai piani alti del complesso HQ1


Credits

Progettazione Architettonica
e Direzione Artistica

Maurizio Varratta Architetto
Via al Molo Giano, Molo Guardiano 16128 Genova

Design Team

Maurizio Varratta, Luca Massone, Paola Loprevite con la collaborazione di:
vIrene Cuppone

Analisi economica e computometrici

Ing. Walter Boller

Progetto Strutturale

S.C.E. Project Viale Sarca 336/f 20126 Milano

Progetto Impiantistico e Certificazione Leed

Manens – TiFS SpA Via Campofiore, 21

37129 Verona

Antincendio

GAE Engineering Srl Corso G. Marconi, 20 10125 Torino